UrologiaNews.net


News

Malattia di La Peyronie, nuovo trattamento a base di Collagenasi di Clostridium hystoliticum

La Commissione Europea ha approvato Xiapex, un nuovo medicinale a base di Collagenasi di Clostridium hystoliticum per il trattamento dei pazienti adulti affetti da malattia di La Peyronie.
La Collagenasi di Clostridium hystoliticum trova indicazione nei pazienti che presentano una placca palpabile e una curvatura del pene di almeno 30 gradi.

La malattia di La Peyronie è una condizione che comporta lo sviluppo di una placca di collagene, o tessuto cicatriziale, sull’asta del pene. Il tessuto cicatriziale, noto come placca di La Peyronie, può indurire il pene o ridurne l’elasticità e può causarne la curvatura durante l’erezione.
La malattia di La Peyronie può manifestarsi con una curvatura variabile e può comportare diversi stadi di gravità ( preoccupazione e dolore durante l’erezione, impatto negativo sui rapporti sessuali e sulla loro frequenza ).
E’ una patologia con una iniziale componente infiammatoria e spesso ha un decorso variabile che tende a risolversi spontaneamente in meno del 13% dei casi.
Dopo circa 1 anno, la malattia si stabilizza e cronicizza.

L’incidenza della malattia di La Peyronie è stimata tra il 3 e il 9%; si ritiene che sia una patologia sottodiagnosticata e sottotrattata.

La Collagenasi di Clostridium hystoliticum è una combinazione di due collagenasi purificate prodotte da Clostridium, che distruggono per azione enzimatica il tessuto fibroso o la placca di collagene, riducendo la contrattura.
Il farmaco viene somministrato mediante iniezione locale, direttamente nella placca del pene.
In aggiunta all’iniezione di Collagenasi di Clostridium hystoliticum è necessaria una attività di modellamento del pene. Tale azione deve essere eseguita tra le 24 e le 72 ore successive alla seconda iniezione del ciclo, nel tentativo di disgregare ulteriormente la placca fibrotica e permettere la distensione del pene. ( Xagena News )

Fonte: Sobi, 2015