UrologiaNews.net


News

Bortezomib, un potenziale trattamento per il tumore della prostata

L’ablazione degli androgeni e la chemioterapia forniscono un effetto palliativo per la maggior parte dei pazienti con tumore alla prostata in fase avanzata.Più insidioso è il tumore della prostata androgeno-indipendente.Il proteasoma è un complesso enzimatico ubiquitario con un importante ruolo in molti pathway di regolazione intracellulare.L’inibizione del proteasoma è stata proposta come terapia mirata nel trattamento dei tumori ematologici.Studi con Bortezomib ( Velcade ) e con altri inibitori del proteasoma hanno dimostrato che le cellule tumorali dipendono dal proteasoma per la sopravvivenza e diversi meccanismi impiegati dalle cellule del tumore della prostata richiedono la funzione del proteasoma.Uno studio di fase I ha determinato la dose massima tollerata ( 1.6mg/m2 ) del Bortezomib, somministrato una volta a settimana.E’ stata osservata una correlazione tra dose somministrata di Bortezomib, inibizione del proteasoma e modulazione positiva del PSA ( Prostate-Specific Antigen ).I risultati dello studio di fase I e di studi preclinici sostengono l’impiego del Bortezomib, in associazione a chemioterapia o a radioterapia, nei pazienti con carcinoma prostatico androgeno-indipendente.( Xagena2004 )Papandeou C N et Logothetis C J, Cancer Research 2004; 64: 5036-5043